Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Diritto alla provvigione e stipulazione di contratto preliminare (mediazione)



Ai sensi dell'art.1755 cod.civ. occorre, ai fini della maturazione a favore del mediatore del diritto alla provvigione, che l'affare sia concluso.

Cosa riferire della mera stipulazione di contratto preliminare ?

Secondo l'opinione prevalente in giurisprudenza essa sarebbe sufficiente, poichè dalla conclusione del vincolo preliminare scaturirebbe comunque l'obbligazione per le parti di addivenire al contratto definitivo (Cass. Civ. Sez. III, 5348/09 ; Cass. Civ. Sez. III, 13132/97 ). Ciò a meno che tra le parti ed il mediatore non sia stato convenuto che il diritto alla provvigione nasca soltanto alla conclusione del contratto definitivo (Cass. Civ. Sez. III, 9676/97 ). Nè sarebbe indispensabile la concreta praticabilità del rimedio di cui all'art. 2932 cod.civ.. E' stato così deciso che il diritto alla provvigione scaturisca anche dalla conclusione di un contratto preliminare di mutuo, concretamente insuscettibile di esecuzione forzata in forma specifica (Cass. Civ. Sez. III, 3980/81 ).

Alla concorde giurisprudenza si contrappone l'orientamento nettamente contrario della dottrina. Si reputa infatti che il diritto alla provvigione non possa se non trarre origine esattamente da quella negoziazione che le parti hanno avuto di mira. L'affare non è definibile come concluso all'atto del perfezionamento del contratto preliminare, potendosi al più ritenere sorto l'obbligo di corrispondere le provvigioni ogniqualvolta fosse possibile attivare l'azione di cui all'art.2932 cod.civ. nota1.

E' invece pacifico, per quanto invece attiene al perfezionamento di un mero patto di opzione (e, a fortiori, il perfezionamento di semplici minnute o puntuazioni) che non scaturisca alcun diritto alla provvigione (Cass. Civ., Sez. III, 24445/11).

Note

nota1

In questo senso si esprimeva già il Vivante, Trattato di diritto commerciale, vol.II, Milano, 1935, p.234; analogamente De Luca, Cogliandro, D'Auria, Ronza, Dei singoli contratti, vol.II, Milano, 2002, p.221. Si uniforma invece all'indirizzo giurisprudenziale Mirabelli, Dei singoli contratti, in Comm.cod.civ., Libro IV, Torino, 1991, p.664.
top1

Bibliografia

  • DE LUCA COGLIANDRO D'AURIA RONZA, Dei singoli contratti, Milano, II, 2002
  • MIRABELLI, Dei singoli contratti, Torino, Comm. cod. civ., vol. IV, 1968
  • VIVANTE, Trattato di diritto commerciale, Milano, II, 1935

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Diritto alla provvigione e stipulazione di contratto preliminare (mediazione)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Diritto alla provvigione e stipulazione di contratto preliminare (mediazione)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto