Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Diritti potestativi



Vi sono diritti di una specie particolare, i quali conferiscono al titolare il potere di ottenere la costituzione, modificazione, estinzione di situazioni soggettive, di rapporti riguardanti altri soggetti, senza che questi stessi possano opporsi nè debbano in qualche modo attivarsi per prestare la propria cooperazione giuridica (il che corrisponderebbe al contenuto di un'obbligazione) nota1.

Detti soggetti si trovano pertanto in uno stato di soggezione giuridica nota2. Non è del tutto vero che il soggetto passivo non sia talvolta destinatario di un divieto come invece si sostiene da qualche autore nei casi in cui esiste la possibilità di impedire l'esercizio del diritto potestativo ponendosi volontariamente in una situazione tale da non renderne di fatto possibile l'esercizio (es : vendendo a terzi il bene in relazione al quale avevo in precedenza stipulato un patto di opzione).

Il patto di opzione di cui all'art. 1331 cod. civ. , difatti prevede che il soggetto attivo sia titolare del diritto potestativo consistente nella manifestazione di voler concludere il contratto, essendo il soggetto passivo correlativamente vincolato per effetto del consenso precedentemente prestato alla conclusione del patto di opzione. Detto soggetto non sarà dunque tenuto ad effettuare ulteriori manifestazioni di volontà trovandosi in una situazione di soggezione nei confronti del titolare del diritto di opzione. Immaginiamoci tuttavia che il soggetto passivo stipuli con un terzo, spogliandosi del diritto in relazione al quale era stata stipulata l'opzione, anteriormente rispetto all'esercizio del relativo diritto da parte del soggetto attivo: quest'ultimo non avrà la possibilità di rivolgersi al terzo al quale sia stato anteriormente alienato il diritto al fine di operare un eventuale riscatto, ma potrà al più agire nei confronti della propria controparte per il risarcimento dei danni nota3.

In altri casi specifici la situazione è tale da non consentire al soggetto passivo di opporsi all'esercizio del diritto potestativo (Cass. Civ. Sez. Lavoro, 11172/96 ).

Costituiscono esempi di diritti potestativi, oltre ai diritti scaturenti dal patto di opzione e dal riscatto convenzionale, il diritto di recesso attribuito convenzionalmente, il diritto di risolvere il contratto che trae origine da una clausola risolutiva espressa (Cass. Civ. Sez. II, 635/96 ), la scelta del legittimario leso tra abbandono della disponibile e conseguimento del lascito relativo all'usufrutto ed esercizio dell'azione di riduzione (Cass. Civ. Sez. II, 511/95 ).

Note

nota1

Cfr. Carpino, Diritti potestativi, in Enc. giur. Treccani, XI, 1988; Santoro-Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997, p.72; Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.62; Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.70.
top1

nota2

V. Galgano, Diritto privato, Padova, 1994, p.22.
top2

nota3

Bigliazzi Geri, Breccia, Busnelli, Natoli, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1978, p.327.
top3

Bibliografia

  • CARPINO, Diritti potestativi, Enc. giur. Treccani, XI, 1988
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Diritti potestativi
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Diritti potestativi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto