Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Differenza tra obbligazioni facoltative e obbligazioni alternative



A differenza di ciò che è dato riscontrare nelle obbligazioni alternative, caratterizzate dalla presenza di più prestazioni, le obbligazioni facoltative ne prevedono una sola.

L'obbligazione facoltativa (meglio definibile come obbligazione con facoltà alternativa) è pertanto semplice nota1, ma il debitore si può liberare effettuando un'altra prestazione ( una res in obligatione, duae autem in facultate solutionis ) (Cass. Civ. Sez. Lavoro, 3349/77 ).

L'importanza della distinzione fra obbligazione alternativa e facoltativa risiede in questo: poiché l'obbligazione facoltativa è un'obbligazione semplice, se l'unica prestazione dedotta diviene impossibile senza colpa del debitore, l'obbligazione si estingue non dovendo essere effettuata l'ulteriore prestazione in facultate solutionis nota2.

Si pensi al caso in cui il testatore abbia disposto un valido legato di cosa appar­tenente ad un terzo. L'erede è obbligato ad acquistarne la proprietà dal terzo e a trasferirla al legatario; tuttavia è in sua facoltà di pagarne al legatario il giusto prezzo (art. 651 cod.civ.).

Al contrario, nell'ipotesi di obbligazione alternativa, l'impossibilità di una delle prestazioni ha quale esito la concentrazione, dovendo essere adempiuta l'unica prestazione rimasta possibile.

Note

nota1

L'obbligazione facoltativa è un'obbligazione semplice, benchè il debitore abbia la facoltà di eseguirne un'altra (Bianca, Diritto civile, vol.IV, Milano, 1998, p.139; Smiroldo, Obbligazione alternativa e facoltativa, in N.sso Dig. it., vol. XI, 1965, p.623; Di Majo-Inzitari, Obbligazioni alternative, in Enc.dir., vol.XXIX, 1979, p.212; Scuto, Teoria generale delle obbligazioni, Napoli, 1953, p.254).
top1

nota2

La semplicità dell'obbligazione facoltativa comporta che il creditore possa ottenere coattivamente solo l'obbligazione principale e non quella facoltativa (così Vecchi, in Comm. cod.civ. dir. da Cendon, vol.IV, Torino, 1999, p.351; Barassi, La teoria generale delle obbligazioni.Vol.I. La struttura, Milano, 1946, p.211; Rubino, Obbligazioni alternative, obbligazioni in solido, obbligazioni divisibili e indivisibili, in Comm. cod.civ. dir. da Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1968, p.28).
top2

Bibliografia

  • BARASSI, La teoria generale delle obbligazioni, Milano, I, 1946
  • RUBINO, Obbligazioni alternative, in solido, obbligazioni divisibili e indivisibili (Artt. 1285-1320), Bologna - Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja Branca-, 1963
  • SCUTO, Teoria generale delle obbligazioni, Napoli, 1953
  • SMIROLDO, Obbligazione alternativa e facoltativa, N.sso Dig. it., XI, 1965
  • VECCHI, Torino, Comm.cod.civ.Cendon, IV, 1999

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Differenza tra obbligazioni facoltative e obbligazioni alternative
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Differenza tra obbligazioni facoltative e obbligazioni alternative"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto