Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Differenza tra apparenza in senso tecnico e fattispecie acquisitive a non domino



Può rivelarsi utile scandire le differenze tra la fattispecie acquisitiva a non domino di cui all'art. 534 cod.civ., la quale viene a concretare parallelamente un'ipotesi di apparenza del diritto in senso tecnico, ed ulteriori ipotesi di acquisto a non domino, con particolare riferimento all'acquisto che provenga dal simulato acquirente ai sensi dell'art. 1415 cod.civ. .

Nelle fattispecie di cui agli artt. 2652 n.6, 1445 , 1415 cod.civ. (relative all'annullabilità, alla nullità, alla simulazione del titolo in forza del quale l'acquirente a propria volta dispone del diritto acquistato alienandolo ad un soggetto ulteriore) non v'è infatti apparenza in senso tecnico. Si prescinde dalla decettività collettiva della situazione, dal fatto che essa possa apparire esternamente ingannevole.

Con riferimento al caso dell'acquisto dall'erede apparente non esiste un soggetto che possa essere tecnicamente considerato come dante causa di altro soggetto disponente (cioe il non dominus) come nei casi appena prospettati (cioè quelli ex artt.1415 , 1445 , 2652 n.6 cod.civ.): esiste piuttosto un soggetto che di per sè, per come si presenta, appare legittimato a porre in essere atti che non ha in realtà il potere di compiere in quanto non è l'erede vero.

Questo profilo differenziale deve esser posto in luce particolarmente per quanto attiene al caso di cui all'art. 1415 cod.civ., dettato in tema di simulazione.

Nella simulazione, infatti, la situazione di apparenza è supportata comunque da un atto in tutto e per tutto valido ed efficace che investe l'apparente titolare del diritto. Se costui a propria volta ne dispone, l'avente causa non possiede alcun strumento giuridico per conoscere della natura simulata del precedente titolo.

Nell'acquisto dall'erede apparente, invece, difetta un qualsiasi atto traslativo, vale a dire un atto che istituisca un rapporto giuridico tra effettivo titolare (in ipotesi il de cuius ) e l'alienante (l'erede apparente, non dominus ): questo aspetto vale a dar conto, come vedremo, anche dei limiti della tutela offerta dall'art. 534 cod.civ. rispetto alle altre ipotesi di acquistoa non domino nota1.

Note

nota1

Analogamente Falzea, voce Apparenza, in Enc.dir., p.689.


Bibliografia

  • FALZEA, Apparenza, Enc. dir., II, 1958

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Differenza tra apparenza in senso tecnico e fattispecie acquisitive a non domino
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Differenza tra apparenza in senso tecnico e fattispecie acquisitive a non domino"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto