Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Dichiaratività della pronunzia di nullità



La pronunzia giudiziale in forza della quale si accerta la nullità di un atto possiede natura dichiarativa nota1 Tale qualificazione giuridica è la logica conseguenza della inefficacia originaria dell'atto nullo. Non v'è infatti bisogno alcuno di rimuovere l'operatività dell'atto in quanto esso mai ha prodotto i propri effetti. E' sufficiente che giudizialmente venga accertata la portata del vizio invalidante per giungere a stabilire che, conseguentemente, l'atto non è mai stato, fin dall'origine, in grado di introdurre modificazioni nel mondo giuridico.

Note

nota1

In argomento si veda Bianca, Diritto civile, vol.III, Milano, 2000, p.627 e ss., il quale sottolinea l'operatività di diritto della causa di nullità, ma anche la necessità di ottenere comunque una sentenza e la trascrizione della medesima allo scopo di evitare che il contratto nullo possa produrre effetti (seppure indiretti) nei confronti dei terzi (cfr. il n. 6 dell'art.2652 cod.civ.  ). Cfr. anche Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.933; Messineo, Il contratto in genere , in Tratt. dir. civ. e comm., diretto da Cicu e Messineo, Milano, 1972, pp.394 e 395. top1

 

Bibliografia

  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • MESSINEO, Il contratto in genere, Milano, Tratt.dir.civ.e comm.Cicu Messineo, XXI, 1972

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Dichiaratività della pronunzia di nullità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Dichiaratività della pronunzia di nullità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto