Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Detenzione qualificata e non qualificata



A proposito della situazione di potere sulla res che corrisponde alla detenzione è possibile distinguere tra una detenzione qualificata ed una non qualificatanota1. Si pensi a colui che per ragioni di ospitalità è alloggiato in un appartamento di cui gli sono state consegnate le chiavi: egli ha la disponibilità materiale del bene, tuttavia senza che possa dirsi esistente un diritto o una posizione giuridica soggettiva di vantaggio a fondamento del potere di fatto sulla res. Questa situazione corrisponde a quella della detenzione non qualificata nota2.

Chi invece conduce in locazione un appartamento esercita, relativamente ad esso, un potere di fatto corrispondente al contenuto di un diritto, ancorchè non avente natura reale; un diritto che non esclude la concorrenza del diritto reale facente capo al proprietario (o all'usufruttuario) del bene locato. Il titolare del diritto reale ne ha il possesso mediato, il conduttore la detenzione, da considerarsi come qualificata. Tra l'altro tale detenzione qualificata vale anche nei confronti del possessore mediato,il quale non potrebbe, pertanto, "tagliare" l'erogazione dell'acqua o sostituire le chiavi, neppure quando fosse terminato il contratto di locazione (Cass. Civ., Sez. II, 18486/2014).
E' stato altresì deciso che l'immissione nella disponibilità di un fondo in esito all'emissione di un provvedimento che autorizzi l'occupazione di urgenza, determina l'insorgenza in capo all'ente occupante della qualità di detentore qualificato, mentre il proprietario rimane possessore mediato (Cass.Civ. Sez.II, 1323/92 ).

La distinzione tra detenzione qualificata e non qualificata rileva principalmente per quanto attiene alla tutela offerta dall'azione di reintegrazione o spoglio nota3. L'art. 1168 cod.civ. infatti prevede che la legittimazione attiva sia concessa non soltanto al possessore bensì anche a favore di chi ha la detenzione (qualificata) di una cosa, ad eccezione di colui che abbia la disponibilità di essa per ragioni di ospitalità o di servizio (Cass.Civ. Sez.III, 6485/92 ). A tal proposito è l'attore onerato della prova del titolo che costituisce il presupposto ai fini della qualificazione della situazione possessoria (Cass.Civ. Sez.II, 10477/98 ; Cass.Civ. Sez.II, 2111/94 ).
E' stata ritenuta detenzione qualificata la situazione della convivente more uxorio in riferimento alla casa nella quale si era svolta la vita della coppia di fatto, con la rilevante conseguenza dell'attribuzione della tutela possessoria alla medesima pure in difetto di un preesistente rapporto giuridicamente codificato (Cass. Civ., Sez. I, 17971/2015).

Note

nota1

V. Bianca, Diritto civile, vol. VI, Milano, 1999, p.725.
top1

nota2

Si veda p.es. Protettì, Le azioni possessorie: la responsabilità e il procedimento in materia possessoria, Milano, 1974, pp.308 e ss..
top2

nota3

Cfr. Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.213; Bianca, op.cit., p.727.
top3

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto Civile, Milano, VI, 1999
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • PROTETTI', Le azioni possessorie, Milano, 1995

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Detenzione qualificata e non qualificata
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Detenzione qualificata e non qualificata"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto