Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Deposito e ritiro del testamento olografo



Ordinariamente il testamento olografo viene conservato dal testatore presso di sè, spesso con l'indicazione manifestata a taluno dei beneficiati del luogo ove agevolmente reperirlo. E' tuttavia evidente che questa situazione presenti rischi di dispersione o di indebita sottrazione.

La scheda testamentaria può, proprio allo scopo di evitare i detti inconvenienti, essere depositata presso il notaio (al pari di qualsivoglia scrittura privata), il quale procederà alla redazione di apposito verbale, alla irrinunziabile presenza di testimoni (cfr. art.1, n.1 e ultimo comma R.D.l. 14 luglio 1937, n.1666 ) nota1.

Tale deposito, a differenza di quello che contraddistingue in maniera necessaria il testamento segreto, il quale consta di una inscindibile duplicità di elementi (cfr. l'art. 604 cod.civ. ) ha unicamente la finalità di preservare e custodire meglio la scheda, ma non è in grado di sortire alcuna speciale efficacia giuridica nota2. Inversamente neppure l'eventuale ritiro del testamento olografo risulta produttivo di specifici effetti: a differenza di quanto si può dire per il testamento segreto, il cui ritiro vale come revoca (art.608 cod. civ., salva la valenza del testamento segreto che ne abbia i requisiti quale testamento olografo) l'analogo atto che riguardi la scheda olografa non determina alcuna conseguenza circa la validità e l'attitudine a produrre effetti di essa nota3.

Note

nota1

Assai più diffuso è l'uso di affidare fiduciariamente ad un professionista il documento che incarta le ultime volontà affinchè venga diligentemente conservato. E' chiaro che l'affidamento di un siffatto incarico ad un notaio non lo vede investito di alcuna funzione pubblica, dovendo egli essere del tutto parificato a qualsiasi altro soggetto che goda della fiducia del testatore.
top1

nota2

Analogamente Palazzo, Le successioni, in Tratt.dir.priv., a cura di Iudica-Zatti, Milano, 2000, p.879.
top2

nota3

Capozzi, Successioni e donazioni, t.1, Milano, 2002, p.456.
top3

Bibliografia

  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, 2002
  • PALAZZO, Le successioni, Milano, Tratt.dir.priv. cura Iudica e Zatti , II, 2000

Formulari clausole contrattuali

  • Verbale di deposito di testamento olografo
  • Verbale di ritiro di testamento olografo precedentemente depositato

Prassi collegate

  • Quesito n. 568-2011/C, Ufficio secondario e deposito del testamento olografo

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Deposito e ritiro del testamento olografo
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Deposito e ritiro del testamento olografo"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto