Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Decreto Presidente Repubblica del 1972 numero 8 art. 8


Resta ferma la competenza degli organi statali in ordine:
a) alla rete autostradale ed alle strade statali classificate ai
sensi delle lettere a) e b) dell'art. 2 della legge 12 febbraio 1958,
n. 126 ed a quelle classificate ai sensi delle lettere c), d), e) ed
f) dell'articolo stesso, salvo che non vengano declassificate secondo
quanto previsto dall'art. 2, lettera a) del presente decreto;
b) alla classificazione e declassificazione delle strade statali
sentite le regioni interessate;
c) alle costruzioni ferroviarie, ad eccezione delle linee
metropolitane di competenza regionale ai sensi del precedente art. 2,
lettera i);
d) ai porti di prima e seconda categoria, prima classe ed alle
opere marittime;
e) agli aerodromi, ad eccezione di quelli aventi carattere
esclusivamente turistico;
f) alle opere idrauliche di prima, seconda e terza categoria;
g) alle opere di navigazione interna di prima e seconda classe;
h) ai lavori pubblici concernenti i servizi statali;
i) all'edilizia demaniale e patrimoniale dello Stato,
all'edilizia universitaria, all'edilizia di culto ed alle opere di
prevenzione e soccorso per calamità naturali, relative alle materie
di cui alle lettere precedenti, nonché agli interventi straordinari
nelle opere di soccorso relative a calamità di estensione e di entità
particolarmente gravi;
l) ai lavori pubblici di riparazione di danni bellici;
m) ai lavori pubblici direttamente connessi all'attuazione di
piani o programmi statali diretti al soddisfacimento di interessi
nazionali o di più regioni;
n) alla determinazione dei criteri generali tecnico-costruttivi
nei settori delle opere pubbliche ed alla relativa normativa tecnica.
Resta, altresì, ferma la competenza degli organi statali, da
esercitare, sentite le regioni interessate, in ordine:
a) alla tutela, disciplina ed utilizzazione delle acque
pubbliche;
b) agli aggiornamenti e modifiche del piano regolatore generale
degli acquedotti;
c) alla sistemazione idrogeologica ed alla conservazione del
suolo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Decreto Presidente Repubblica del 1972 numero 8 art. 8"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto