Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Decreto Legge del 2014 numero 66 art. 2


DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IRAP

[1. A decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all'articolo 16, comma 1, le parole “l'aliquota del 3,9 per cento” sono sostituite dalle seguenti: “l'aliquota del 3,50 per cento”;
b) all'articolo 16, comma 1-bis, sono apportate le seguenti modificazioni:
1) alla lettera a), le parole “l'aliquota del 4,20 per cento” sono sostituite dalle seguenti: “l'aliquota del 3,80 per cento”;
2) alla lettera b), le parole “l'aliquota del 4,65 per cento” sono sostituite dalle seguenti: “l'aliquota del 4,20 per cento”;
3) alla lettera c), le parole “l'aliquota del 5,90 per cento” sono sostituite dalle seguenti: “l'aliquota del 5,30 per cento”;
c) all'articolo 45, comma 1, le parole “nella misura dell'1,9 per cento” sono sostituite dalle seguenti: “nella misura del 1,70 per cento”.]
(Comma abrogato dall’ art. 1, comma 22, L. 23 dicembre 2014, n. 190, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013)
2. Ai fini della determinazione dell'acconto relativo al periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013 secondo il criterio previsionale, di cui all'articolo 4 del decreto legge 2 marzo 1989, n. 69, convertito con modificazioni, dalla legge 27 aprile 1989, n. 154, in luogo delle aliquote di cui alle lettere a), b), e c) del comma 1 applicabili al periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, si tiene conto, rispettivamente, delle aliquote del 3,75; 4,00; 4,50; 5,70 e 1,80 per cento.
3. All'articolo 16, comma 3, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, le parole “fino ad un massimo di un punto percentuale” sono sostituite dalle seguenti: “fino ad un massimo di 0,92 punti percentuali”.
[4. Le aliquote dell'imposta regionale sulle attività produttive vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, qualora variate ai sensi dell'articolo 16, comma 3, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 e dell'articolo 5, comma 1, del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, sono rideterminate applicando le variazioni adottate alle aliquote previste dal comma 1 del presente articolo.]
(Comma abrogato dall’ art. 1, comma 22, L. 23 dicembre 2014, n. 190, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013)

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Decreto Legge del 2014 numero 66 art. 2"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto