Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Decorrenza dell'obbligazione alimentare



Ai sensi dell'art. 445 cod. civ. gli alimenti sono dovuti dal giorno della domanda giudiziale o dal giorno della costituzione in mora dell'obbligato, quando tale costituzione sia entro sei mesi seguita dalla domanda giudiziale nota1 .

Anteriormente a questo momento, ricorrendone i presupposti esaminati altrove (stato di bisogno, impossibilità di provvedervi, particolare rapporto tra soggetti implicati nel fenomeno), il credito già sussiste e così anche l'obbligazione, tuttavia non è azionabile in giudizio, non è coercibile nota2.

Secondo un'opinione nota3 esso potrebbe esser ritenuto corrispondente ad un'obbligazione naturale. Ne deriverebbe l'irripetibilità di quanto fosse stato spontaneamente dato a tale titolo nota4 .

Note

nota1

Conforme Tamburrino, voce Alimenti, in Enc. dir., vol. II, 1958, p. 43, e Trabucchi, voce Alimenti (diritto civile), in App. N.sso Dig.it., vol. I, 1980, p. 237. Contra Sargenti, in nota critica a Tribunale di Genova 21/10/1945 , in Foro pad., vol. I, 1946, p. 157. Secondo l'A. l'obbligazione alimentare nasce al verificarsi dei suoi presupposti legali.
top1

nota2

Analogamente Bianca, Diritto civile, Milano, 1985, p. 362; Auletta, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984, p. 28; Stella Richter-Sgroi, Alimenti (Delle persone e della famiglia), in Comm. cod. civ., vol. I, t. 2, Torino, 1958, p. 627. Ritiene invece che la domanda segnerebbe anche il sorgere del credito (non sussistente dunque prima della presentazione della medesima ) Tamburrino, cit., p.49, mentre secondo un'altra interpretazione solo la sentenza trasformerebbe il precedente diritto potestativo di chiedere gli alimenti in un diritto di credito, che retroagirebbe al momento della domanda (Vincenzi Amato, Gli alimenti. Struttura giuridica e funzione sociale, Milano, 1973, p. 130).
top2

nota3

Vincenzi Amato, op. cit., p. 171.
top3

nota4

Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p. 461.
top4

Bibliografia

  • AMATO, Gli alimenti, Torino, Tratt. Rescigno, III, 1982
  • AULETTA, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984
  • BIANCA, Diritto civile, Milano, III, 1985
  • STELLA RICHTER SGROI, Alimenti (Delle persone e della famiglia), Torino, Comm.cod.civ., I, 1958
  • TAMBURRINO, Alimenti (diritto civile), Enc.dir., II, 1958
  • TRABUCCHI, Alimenti, diritto civile, N.sso Dig. it., I, 1980

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Decorrenza dell'obbligazione alimentare
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Decorrenza dell'obbligazione alimentare"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto