Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Decadenza per omissioni o infedeltà dell'inventario



A mente dell'art. 494 cod.civ. l'erede decade dal beneficio dell'inventario quando abbia omesso in mala fede di denunziare nell'inventario beni appartenenti all'eredità, ovvero abbia, sempre nella redazione dell'inventario, denunziato in mala fede passività non esistenti nota1. La fattispecie riecheggia in un certo senso il modo di disporre dell'art.527 cod.civ., ai sensi del quale i chiamati all'eredità che hanno sottratto o nascosto beni dell'asse decadono dalla facoltà di rinunziarvi. Le conseguenze sono in un certo senso analoghe. Il soggetto sarà considerato erede puro e semplice. Nel caso di cui all'art. 494 cod.civ. tuttavia viene in considerazione chi, già rivestendo la qualità di erede, perde il beneficio dell'inventario. Nella seconda ipotesi si tratta invece di un chiamato che assume de jure la qualità di erede puro e semplice nonostante la rinunzia che abbia espresso nota2.

Note

nota1

Si è osservato (Ferri, Successioni in generale (Artt. 456-511), in Comm. cod. civ., diretto da Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1968, p.361) che mentre i fatti che determinano la decadenza ai sensi dell'art.493 cod.civ. sono considerati dal legislatore nella loro obiettività, prescindendo da ogni stato soggettivo dell'erede, l'art.494 cod.civ. , facendo menzione della mala fede, richiede invece una condotta dolosa da parte dell'erede.
top1

nota2

Ulteriore differenza tra le due fattispecie si rinviene nel fatto che da un lato l'art.527 cod.civ. prevede un acquisto automatico della qualità di erede puro e semplice per mera volontà di legge, senza necessità di alcuna pronuncia giudiziale, dall'altro l'art.494 cod.civ. prescrive che la perdita del beneficio deve essere invocata dai creditori ereditari e dai legatari, essendo priva di ogni carattere di automaticità (così Prestipino, Delle successioni in generale (Artt.456-535), in Comm. teorico-pratico al cod.civ., diretto da De Martino, Novara-Roma, 1981, p.316).
top2

Bibliografia

  • FERRI, Successioni in generale. Art.456 - 511, Bologna Roma, Comm.cod.civ. Scialoja Branca, 1980
  • PRESTIPINO, Delle successioni in generale, Novara-Roma, Comm.cod.civ., dir. da De Martino, 1981

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Decadenza per omissioni o infedeltà dell'inventario
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Decadenza per omissioni o infedeltà dell'inventario"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto