Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Corte giustizia comunità europee del 2001 (12/07/2001)


La nozione di residenza, ai fini dell'applicazione di una direttiva, deve essere individuata secondo i criteri fissati dal legislatore comunitario, a prescindere dalle definizioni nazionali. Per l'accertamento della residenza normale occorre considerare i legami professionali e personali di un individuo procedendo a una valutazione complessiva degli elementi di fatto. Se essi risultano equivalenti in due diversi Stati membri il giudice nazionale, nell'applicazione della direttiva, deve dare prevalenza ai legami personali per stabilire il centro permanente degli interessi. Spetta al legislatore nazionale stabilire le sanzioni nel caso di una valutazione delle norme sulle importazioni temporanee però nel rispetto del principio di proporzionalità, eventualmente tenendo conto, laddove la normativa risulti di difficile interpretazione, della buona fede dell'individuo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Corte giustizia comunità europee del 2001 (12/07/2001)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto