Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Corte cost. del 1988 numero 406 (07/04/1988)


Il capitale d'affranco delle enfiteusi costituite successivamente al 28 ottobre 1941, non può essere determinato in misura fissa, corrispondente all'indennità che sarebbe stata corrisposta ove i terreni fossero stati espropriati in base alle leggi di riforma agraria, non potendo tale capitale essere inferiore al valore assoluto assunto per l'applicazione dell'imposta straordinaria sul patrimonio dal d.l. 29 marzo 1947 n. 143, periodicamente aggiornato mediante coefficienti di aggiornamento; pertanto l'atr. 1 l. 14 giugno 1974 n. 270 è incostituzionale, per violazione dell'art. 42 cost., nella parte in cui non prevede che il valore di riferimento da esso prescelto per la determinazione del canone enfiteutico sia periodicamente aggiornato mediante l'applicazione di coefficienti di maggiorazione, idonei a manteneree adeguata, con una ragionevole approssimazione, la corrispondenza con l'effettiva realtà economica.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Corte cost. del 1988 numero 406 (07/04/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto