Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Conservazione atti notarili (art. 66 l.n.)




La funzione di conservazione degli atti notarili che il notaio, per legge, deve garantire, trova nell'art. 66 l.n. una norma fondamentale.

Mentre l'art. 61 l.n. detta i principi base della costituzione della raccolta degli atti ricevuti dal notaio nell'esercizio del suo ministero, facendogli obbligo dell'idonea ed esatta custodia, l'art. 66 l.n. precisa che gli atti notarili, o meglio la raccolta come definita dall'art. 61 l.n., non può liberamente essere rimossa dallo studio nota1 .

Il principio generale, che è sotteso all'attività notarile, è che il risultato documentale, ottenuto nell'interesse della parte, nel rispetto delle norme procedurali di documentazione poste dall'ordinamento, rimanga nella qualificata disponibilità del notaio che lo ha redatto.

Con l'art. 70 l.n. vengono individuati una serie di casi in cui il documento originale può essere rilasciato alle parti nota2 .

Al di fuori di queste norme non c'è possibilità per il notaio di non detenere i propri originali, essendone, a tutti gli effetti, il legittimo depositario.

Note

nota1

Si sottolinea come la definizione di "studio notarile" ex art. 26 l.n., si collega direttamente all'obbligo di custodia degli atti ricevuti.
top1

nota2

L'interpretazione di tali eccezionali casi è assolutamente restrittiva, e non consente alcun ampliamento su base analogica.
top2

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Conservazione atti notarili (art. 66 l.n.)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Conservazione atti notarili (art. 66 l.n.)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto