Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Comunione pro diviso


E COMUNIONE PRO INDIVISO

Per il tramite della locuzione atecnica "comunione" vengono designati due fenomeni aventi consistenza giuridica assai difforme: tali le figure della "comunione pro diviso " e della "comunione pro indiviso ".

In effetti è possibile parlare in senso proprio di comunione solamente in relazione a quella pro indiviso , nella quale cioè il diritto di ciascun partecipante investe la totalità del bene. E' il diritto ad essere ripartito per quote. Si tratta della concezione della comunione quale proprietà plurima parziaria di cui meglio si riferisce in sede di specifica analisi della natura giuridica della comunione.

Poniamo che Tizio e Caio acquistino in comune tra loro un immobile: essi ne sono comproprietari. Nessuno dei due ha la proprietà esclusiva della cosa poichè il diritto di ciascuno, pur investendola integralmente, rinviene un limite nel pari diritto dell'altro.

L'eventuale riparto non interverrebbe dividendo in natura l'oggetto della comunione assegnando singole porzioni ai contitolari. Esso avrebbe luogo ripartendo il contenuto del diritto in quote ideali fra i partecipanti nota1 (es.: alienando a terzi il bene indivisibile e dividendone il ricavato ovvero assegnandolo in proprietà esclusiva e ponendo a carico dell'assegnatario la corresponsione del valore per quote agli altri condividenti).

La quota rappresenta la misura del diritto di ciascuno sul bene, fermo restando che il diritto investe il bene nella sua totalità nota2.

Se all'esito delle operazioni divisionali il bene, la cui natura ne consentisse l'agevole divisione in parti di pari valore rispetto alle quote dei condividenti, fosse assegnato in singole porzioni fisicamente distinte in proprietà esclusiva a ciascuno dei (ormai ex ) contitolari si avrebbe la c.d comunione pro diviso. Come è evidente non già si tratta di comunione, bensì dell'esito divisionale di essa nota3.

Note

nota1

Cfr. Galgano, Diritto privato, Padova, 1994, p.168; Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.264.
top1

nota2

V. Lener, La comunione, in Tratt. dir. priv., diretto da Rescigno, Torino, 1982, p.270.
top2

nota3

Così, tra gli altri, Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.572; Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.377.
top3

Bibliografia

  • GALGANO, Diritto privato, Padova, 1994
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • LENER, La comunione, Torino, Tratt.dir.priv dir. da Rescigno, vol. 8, t. II, 1982

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Comunione pro diviso
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Comunione pro diviso"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto