Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Compravendita: l'elemento causale




La funzione del contratto di compravendita è indubbiamente quella di consentire lo scambio di un diritto verso il corrispettivo di un prezzo nota1. Assumeremo dunque in considerazione anzitutto gli aspetti connessi alla causa, mettendo a fuoco la possibile divergenza tra causa in astratto (concepita come funzione tipica assegnata dalla legge allo schema negoziale della compravendita) e causa in concreto (assunta cioè quale strumento adoperato in concreto dalle parti allo scopo di perseguire specifiche finalità). Nell'ambito di questa indagine particolare importanza rivestirà la considerazione della c.d. alienazione con scopo di garanzia reale. Non irrilevante sarà infine scolpire la differenza tra vendita e permuta, il cui schema può prevedere l'erogazione di un conguaglio.

Note

nota1

Essa è cioè il principale veicolo per la circolazione economico-giuridica dei beni: Messineo, Manuale di diritto civile e commerciale, Milano, 1972, p.51.
top1

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Compravendita: l'elemento causale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Compravendita: l'elemento causale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto