Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Competenza al promuovimento della petizione ereditaria



L'azione di petizione d'eredità (art.533 cod.civ.) non può essere definita sotto il profilo del suo contenuto economico. La competenza per valore sarà dunque del tribunale (divenuto giudice unico di primo grado in esito all'entrata in vigore, a decorrere dal 2 giugno 1999, della riforma operata dalla Legge 16 giugno 1998, n. 188 ), trattandosi di azione avente valore indeterminabile (II comma, art. 9 cod. proc. civ.) sia quando si domanda il solo riconoscimento della qualità di erede, sia quando viene richiesta la restituzione dei beni ereditari. Dal punto di vista territoriale si manifesta la competenza del giudice del luogo dell'apertura della successione (art. 22, n. 1 cod. proc. civ. apri)nota1 .

Note

nota1

Cfr. Azzariti-Martinez, Successioni per causa di morte e donazioni, Padova, 1979, p.159.
top1

Bibliografia

  • F.S. AZZARITI - MARTINEZ - G.AZZARITI, Successioni per causa di morte e donazioni, Padova, 1979

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Competenza al promuovimento della petizione ereditaria
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Competenza al promuovimento della petizione ereditaria"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto