Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Codice Civile art. 942


TERRENI ABBANDONATI DALLE ACQUE CORRENTI
1. I terreni abbandonati dalle acque correnti, che insensibilmente si ritirano da una delle rive portandosi sull' altra, appartengono al demanio pubblico, senza che il confinante della riva opposta possa reclamare il terreno perduto.
2. Ai sensi del primo comma, si intendono per acque correnti i fiumi, i torrenti e le altre acque definite pubbliche dalle leggi in materia.
3. Quanto stabilito al primo comma vale anche per i terreni abbandonati dal mare, dai laghi, dalle lagune e dagli stagni appartenenti al demanio pubblico.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Codice Civile art. 942"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto