Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Codice Civile art. 50


IMMISSIONE NEL POSSESSO TEMPORANEO DI BENI
1. Divenuta eseguibile la sentenza che dichiara l' assenza, il tribunale, su istanza di chiunque vi abbia interesse o del pubblico ministero, ordina l' apertura degli atti di ultima volontà dell' assente, se vi sono.
2. Coloro che sarebbero eredi testamentari o legittimi, se l' assente fosse morto nel giorno a cui risale l' ultima notizia di lui, o i loro rispettivi eredi possono domandare l' immissione nel possesso temporaneo dei beni.
3. I legatari, i donatari e tutti quelli ai quali spetterebbero diritti dipendenti dalla morte dell' assente possono domandare di essere ammessi all' esercizio temporaneo di questi diritti.
4. Coloro che per effetto della morte dell' assente sarebbero liberati da obbligazioni possono essere temporaneamente esonerati dall' adempimento di esse, salvo che si tratti delle obbligazioni alimentari previste dall' articolo 434.
5. Per ottenere l' immissione nel possesso, l' esercizio temporaneo dei diritti o la liberazione temporanea dalle obbligazioni si deve dare cauzione nella somma determinata dal tribunale; se taluno non sia in grado di darla, il tribunale può stabilire altre cautele, avuto riguardo alla qualità delle persone e alla loro parentela con l' assente.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Codice Civile art. 50"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto