Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Codice Civile art. 193


SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI BENI
1. La separazione giudiziale dei beni può essere pronunziata in caso di interdizione o di inabilitazione di uno dei coniugi o di cattiva amministrazione della comunione.
2. Può altresì essere pronunziata quando il disordine degli affari di uno dei coniugi o la condotta da questi tenuta nell' amministrazione dei beni mette in pericolo gli interessi dell' altro o della comunione o della famiglia, oppure quando uno dei coniugi non contribuisce ai bisogni di questa in misura proporzionale alle proprie sostanze e capacità di lavoro.
3. La separazione può essere chiesta da uno dei coniugi o dal suo legale rappresentante.
4. La sentenza che pronunzia la separazione retroagisce al giorno in cui è stata proposta la domanda ed ha l' effetto di instaurare il regime di separazione dei beni regolato nella sezione V del presente capo, salvi i diritti dei terzi.
5. La sentenza è annotata a margine dell' atto di matrimonio e sull' originale delle convenzioni matrimoniali.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Codice Civile art. 193"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto