Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Codice Civile art. 1640


SCORTE MORTE
1. Le scorte morte costituenti la dotazione del fondo, che sono state consegnate all' affittuario all' inizio dell' affitto, con determinazione della specie, qualità e quantità, devono, anche se stimate, essere restituite al locatore alla fine dell' affitto, nella stessa specie, qualità e quantità e, se si tratta di scorte fisse, come macchinari e attrezzi, nello stesso stato d' uso. L' eccedenza o la deficienza deve essere regolata in danaro, secondo il valore corrente al tempo della riconsegna. La dotazione necessaria non può essere distratta e deve essere mantenuta secondo le esigenze delle colture e la pratica dei luoghi.
2. La disposizione del comma precedente si applica anche se, all' inizio dell' affitto, l' affittuario ha depositato la somma che rappresenti il valore delle scorte presso il locatore, salvo l' obbligo di questo di restituirla al tempo della riconsegna delle scorte.
3. Se le scorte sono state consegnate con la sola indicazione del valore, l' affittuario ne acquista la proprietà, e, alla fine dell' affitto, deve restituire il valore ricevuto o scorte in natura per un corrispondente valore, determinato secondo il prezzo corrente, al tempo della riconsegna, ovvero parte dell' uno e parte delle altre.
4. Sono salve le diverse disposizioni delle norme corporative o le diverse pattuizioni delle parti.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Codice Civile art. 1640"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto