Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Codice Civile art. 1049


SEZIONE III Della somministrazione coattiva di acqua a un edificio o a un fondo (SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA A UN EDIFICIO)
1. Se a una casa o alle sue dipendenze manca l' acqua necessaria per l' alimentazione degli uomini o degli animali e per gli altri usi domestici, e non è possibile procurarla senza eccessivo dispendio, il proprietario del fondo vicino deve consentire che sia dedotta l' acqua di sopravanzo nella misura indispensabile per le necessità anzidette.
2. Prima che siano iniziati i lavori, deve pagarsi il valore dell' acqua, che si chiede di dedurre, calcolato per un' annualità. Si devono altresì sostenere tutte le spese per le opere di presa e di derivazione. Si applicano inoltre le disposizioni del primo comma dell' articolo 1038.
3. In mancanza di convenzione, la sentenza determina le modalità della derivazione e l' indennità dovuta.
4. Qualora si verifichi un mutamento nelle condizioni originarie, la derivazione può essere soppressa su istanza dell' una o dell' altra parte.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Codice Civile art. 1049"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto