Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Clausola convenzionale di discontinuità



La libertà contrattuale è stata rispettata dalla legislazione di adeguamento alla moneta unica, mediante la previsione di una clausola di rinegoziabilità economica (c.d. clausola di discontinuità). L'art. 3 Reg. 1103/1997 dispone infatti che "le parti concordemente potranno riconsiderare o estinguere impegni negoziali, se stimeranno che il changeover comporterà una perturbazione incompatibile con la prosecuzione del rapporto".

Il principio di continuità risulta dunque avere carattere dispositivo, essendo stata riconosciuta la convenienza di riconoscere il diritto delle parti di poter valutare liberamente e consensualmente l'entità del cambiamento che il passaggio dalla lira all'euro può comportare in relazione agli assetti contrattualinota1 .

Note

nota1

Considera la libertà contrattuale delle parti sotto questo aspetto Ronfini, Gli effetti giuridici dell'euro: il principio di continuità dei contratti e gli effetti sulle obbligazioni pecuniarie; le regole legali di conversione e arrotondamento; le novità in materia di capitale sociale e valore unitario delle azioni; gli effetti per le imprese, Padova, 1998, pp. 98 e ss..
top1

Bibliografia

  • RONFINI, Gli effetti giuridici dell’euro, Padova, 1998

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Clausola convenzionale di discontinuità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Clausola convenzionale di discontinuità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto