Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Classificazione dei negozi giuridici in genere



Varie sono le distinzioni proposte all'interno della categoria del negozio giuridico. Si pensi, ad esempio, alla differenza fondata sulla efficacia del consenso e sulla necessità della consegna della res ai fini del perfezionamento (negozi consensuali/negozi reali; negozi ad effetti reali/negozi ad effetti obbligatori). Si parla inoltre di negozi formali o non formali, in relazione alla necessità che l'atto rivesta determinati requisiti di esteriorizzazione della volontà; di negozi recettizi o non recettizi, con riferimento alla indispensabilità della comunicazione ad un determinato soggetto interessato; di negozi di ordinaria e di straordinaria amministrazione, relativamente all'importanza dell'atto ed alle conseguenze economiche di esso, di negozi ad esecuzione istantanea (immediata o differita) contrapposti a quelli di durata, (es.: prestazioni periodiche). Di fondamentale importanza sono poi le differenze che si basano sull'elemento causale: si parla di negozi tipici in contrapposizione a quelli atipici o innominati, il cui schematismo è predisposto dalle parti nell'ambito dell'autonomia negoziale riconosciuta dalla legge, di negozi inter vivos e mortis causa , di negozi astratti e di negozi causali, di negozi a prestazioni corrispettive e di negozi con prestazioni a carico di una sola parte (nell'ambito dei primi, ulteriormente, tra negozi aleatori e commutativi), di negozi di rilevanza patrimoniale e di indole familiare, di atti a titolo gratuito ed a titolo oneroso. Ancora, si oppongono agli atti negoziali dispositivi quelli funzionali ad un semplice accertamento.

Speciale importanza riveste altresì, con riferimento all'aspetto causale, il negozio fiduciario e quello indiretto.

La verifica della consistenza dell'aspetto soggettivo consente inoltre la distinzione tra negozi unilaterali, bilaterali e plurilaterali nota1.

Note

nota1

Su tutte queste distinzioni si vedano Santoro-Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997, pp.218 e ss. e Galgano, Negozio giuridico, in Enc.dir., vol.XXVII, 1977, p.932.
top1

Bibliografia

  • GALGANO, Negozio giuridico, Enc.dir., XXVII, 1977
  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Classificazione dei negozi giuridici in genere
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Classificazione dei negozi giuridici in genere"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto