Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cedibilità della partecipazione sociale



Nell'ambito delle modificazioni del contratto sociale di cui all'art. 2252 cod. civ. dev'essere ambientata la cessione totale o parziale della partecipazione di uno dei soci. E' chiaro infatti che, vertendosi in tema di società a base personale, qualificata dalla rilevanza dell' intuitus personae, ogni modificazione della compagine sociale non può non sostanziarsi in un conseguente mutamento del contratto.

Si pongono al riguardo i seguenti problemi:
  1. se sia necessario o meno il consenso unanime dei soci;
  2. quale sia la forma di espressione di siffatto consenso;
  3. se sia possibile costituire sulla partecipazione sociale un diritto reale o personale di godimento (usufrutto, locazione).

Prassi collegate



Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Cedibilità della partecipazione sociale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cedibilità della partecipazione sociale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto