Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. penale, sez. III del 2011 numero 36294 (06/10/2011)




Il reato di lottizzazione abusiva è ravvisabile, non solo nel compimento di atti giuridici, come la suddivisione del terreno, ma anche nella esplicazione di attività materiali come la costrizione di edifici o la realizzazione di opere di urbanizzazione, allorquando questi atti risultino diretti a pianificare il territorio a scopi edilizi in mancanza di un piano di lottizzazione convenzionale. Per tale ragione, è stata ritenuta, ad esempio, la ricorrenza di tale ipotesi criminosa nella attività materiale di modificazione della destinazione d'uso, senza concessione, delle unità immobiliari facenti parte di un complesso alberghiero residenziale procedendo alla vendita parcellizzata di alcune di esse ovvero, ancora, nel conferimento di un diverso assetto a una porzione del territorio comunale, combinando insieme nel momento ideativo e/o in quello attuativo, impianti di solo interesse privato con impianti di interesse collettivo (non necessariamente pubblico) in modo da creare una nuova maglia di tessuto urbano. In buona sostanza, nel ravvisare o meno la sussistenza di una lottizzazione abusiva si deve avere riguardo a tutti quei comportamenti che determinino una trasformazione urbanistica o edilizia del territorio realizzata in concreto con modalità tali da non essere più riferibile al piano inizialmente approvato con la convenzione all'uopo stipulata, a causa degli stravolgimenti o integrali modifiche apportate.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. penale, sez. III del 2011 numero 36294 (06/10/2011)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto