Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Pen. sez. III del 2013 numero 44311 (31/10/2013)



Non può essere dissequestrato l’immobile da destinare ad abitazione, oggetto della misura cautelare reale nell’ambito dell’inchiesta per lottizzazione abusiva, laddove non sia immediatamente percepibile la buona fede del terzo acquirente, il quale con l’ordinaria diligenza richiesta a chi acquista un immobile, ben possa rendersi contro dei rischi dell’operazione di frazionamento della struttura alberghiera in singole unità abitative, con tanto di benefici fiscali previsti per la prima casa, facendo riferimento al piano di lottizzazione adottato con delibera del Consiglio comunale.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. Pen. sez. III del 2013 numero 44311 (31/10/2013)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto