Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Pen. sez. III del 2013 numero 41479 (08/10/2013)



Il reato di lottizzazione abusiva è integrato già con il frazionamento e la vendita dei terreni e può proseguire con la successiva esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, poiché queste compromettono ulteriormente le scelte di pianificazione dell'assetto urbanistico riservate alla pubblica amministrazione.

Integra gli estremi della lottizzazione abusiva (reato permanente e progressivo, ai fini della cui consumazione assumono rilievo anche le condotte che tendono a consolidare le trasformazioni già attuate mediante modifiche, migliorie o integrazioni del preesistente, delle quali il giudice del rinvio dovrà accertare il momento di cessazione al fine di verificare se vi sia stata prescrizione del reato) la realizzazione di un campeggio, non solo caratterizzato dalla presenza di allestimenti e servizi finalizzati alla sosta e al soggiorno dei turisti, ma anche da forme di stabile residenza.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. Pen. sez. III del 2013 numero 41479 (08/10/2013)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto