Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. pen., sez. IV del 1988 (17/03/1988)


La regola della pregiudizialità delle cause di estinzione del reato non opera quando sussiste una nullità assoluta ed insanabile, come quella concernente la nullità della notifica del decreto di citazione. (Nella specie è stato affermato il suddetto principio, pur rilevandosi, da parte della Corte, che si era maturata la prescrizione del reato).Nel caso di costituzione in dibattimento della parte civile, la mancata sottoscrizione da parte del cancelliere del relativo atto separato di ricezione, non determina nullità ai sensi dell'art. 161 c.p.p., ma costituisce una mera irregolarità, purché, nel processo verbale d'udienza, regolarmente sottoscritto dal cancelliere, si faccia menzione dell'avvenuta costituzione.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. pen., sez. IV del 1988 (17/03/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto