Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1993 numero 5003 (28/04/1993)


La domanda di simulazione relativa costituisce domanda nuova, improponibile in appello a norma dell' art. 345 cod. proc. civ., rispetto a quella di simulazione assoluta dedotta inizialmente nel giudizio di primo grado, perché si fonda su una fattispecie giuridica composta dal contratto simulato, nonché da quello dissimulato e quindi su presupposti di fatto e situazioni giuridiche differenti dalla simulazione assoluta, caratterizzata dall' esistenza di un solo negozio, quello simulato, peraltro voluto solo per l' apparenza.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1993 numero 5003 (28/04/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto