Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. VI-T del 2015 numero 110 (08/01/2015)



Ai fini dell'accesso all'agevolazione connesse con l’acquisto della prima casa, il requisito del trasferimento della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile entro diciotto mesi impone di attribuire prevalenza al dato anagrafico rispetto alle risultanze fattuali. Tuttavia, occorre tener conto dell'unicità del procedimento amministrativo inteso al mutamento dell'iscrizione anagrafica, che, nell'affermare la necessità della saldatura temporale tra cancellazione dall'anagrafe del Comune di precedente iscrizione ed annotazione in quella del Comune di nuova residenza, stabilisce che la decorrenza è quella della dichiarazione di trasferimento resa dall'interessato al Comune di nuova residenza. Ne consegue che il beneficio fiscale della prima casa spetta a coloro i quali, pur avendone fatto formale richiesta, al momento dell'acquisto dell'immobile (o comunque entro diciotto mesi), non abbiano ottenuto entro il predetto termine il trasferimento della residenza nel Comune in cui è situato l'immobile stesso.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. VI-T del 2015 numero 110 (08/01/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto