Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. VI-III del 2015 numero 20376 (09/10/2015)



Il fondo patrimoniale costituito dai coniugi, socio e amministratore di società esposte verso la banca e fideiussori di dette compagini, è inefficace nei confronti dell’istituto di credito a nulla rilevando l’anteriorità rispetto alla revoca degli affidamenti laddove per la costituzione di detto fondo, in quanto atto gratuito, è sufficiente la mera conoscenza del pregiudizio arrecato ai creditori; si deve considerare che per i coniugi, in quanto fideiussori, l’acquisto della qualità di debitori del creditore procedente risale al momento della nascita del credito e dunque a tale momento occorre fare riferimento per stabilire se l’atto pregiudizievole sia anteriore o successivo al sorgere del credito.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. VI-III del 2015 numero 20376 (09/10/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto