Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2016 numero 2278 (05/02/2016)



Ai fini della fruizione delle agevolazioni tributarie per l'acquisto della prima casa, ex art. 1, comma 2, D.L. n. 16/1993, il requisito della non possidenza di altro fabbricato idoneo ad abitazione, sussiste ogni qualvolta l'acquirente possieda un alloggio che non sia concretamente idoneo, per dimensioni e caratteristiche complessive, a sopperire ai bisogni abitativi suoi e della famiglia. L'inidoneità dell'alloggio già posseduto, rilevante nei termini di cui innanzi, deve essere valutata dal punto di vista soggettivo del compratore, in relazione alle esigenze abitative del suo nucleo familiare. (Nel caso concreto non è censurabile l'accertamento in fatto compiuto dal giudice del merito nella parte in cui ha escluso la inidoneità dell'alloggio già posseduto dal contribuente, non potendo certo equivalere a inidoneità abitativa la dedotta scomodità di figli di sesso diverso di dover dormire nella medesima camera).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2016 numero 2278 (05/02/2016)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto