Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2015 numero 13470 (01/07/2015)



Le movimentazioni bancarie effettuate dal professionista non sono valida prova presuntiva di maggiori ricavi non dichiarati. La Commissione tributaria regionale, con un accertamento fondato su base presuntiva, ha fornito prove carenti dal punto di vista dell’autosufficienza, non facendo alcuna specifica menzione dei movimenti bancari ritenuti non giustificati e non ha quindi consentito alla Corte di valutare la fondatezza nel merito del denunciato vizio logico. Tanto a maggior ragione dopo che la Corte Costituzionale, con sentenza 228/2014 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 32, comma I, numero 2), secondo periodo del dpr n. 600/1973 come modificato dall’art. 1, comma 402, lettera a), numero 1), della l. n. 311/2004, limitatamente alle parole “o compensi”, ha escluso, relativamente ai prelievi ingiustificati da conti correnti bancari effettuati da un lavoratore autonomo, l’utilizzabilità della presunzione di cui al detto art. 32, ritenendo la stessa “lesiva del principio di ragionevolezza nonché della capacità contributiva, essendo arbitrario ipotizzare che i prelievi ingiustificati da conti correnti bancari effettuati da un lavoratore autonomo siano destinati a un investimento nell’ambito della propria attività professionale e che questo a sua volta sia produttivo di un reddito” .

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2015 numero 13470 (01/07/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto