Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2007 numero 11213 (16/05/2007)


Intervenuta, nel contraddittorio di alcuni degli eredi legittimi, sentenza della Corte di appello che dichiari decaduto l'erede testamentario (nella specie: ente di beneficenza) dal diritto di accettare l'eredità, e che l'eredità è devoluta secondo le norme della successione legittima, qualora nelle more del giudizio di Cassazione, avverso tale sentenza, tutti gli eredi legittimi concludano una transazione con la quale si impegnano a rinunciare agli effetti della sentenza della Corte di appello, a fronte dell'attribuzione in proprietà di un certo numero di immobili facenti parte dell'asse ereditario, l'accettazione di tale transazione da parte di quanti non erano parti del precedente giudizio importa accettazione della qualità di erede (con conseguente obbligo di pagamento della imposta di successione). La rinuncia dedotta in transazione, infatti, non è una situazione giuridica autonoma, avulsa dalla qualità di erede legittimo, per cui quanto ricevuto dall'erede non parte del giudizio costituisce tacitazione non già del diritto a far valere la decadenza, ma del diritto a succedere in via legittima al de cuius e, quindi, esercizio di tale diritto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2007 numero 11213 (16/05/2007)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto