Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 2008 numero 28042 (25/11/2008)


Poichè l'azione di arricchimento senza causa ha carattere sussidiario, la si deve ritenere esclusa in ogni caso in cui il danneggiato, secondo una valutazione da compiersi in astratto e prescindendo quindi dalla previsione del suo esito, possa esercitare un'altra azione per farsi indennizzare il pregiudizio subito. Pertanto tale azione è inammissibile anche nell'ipotesi in cui chi la esercita disponeva di una azione che si è prescritta o in relazione alla quale si è verificata una decadenza.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 2008 numero 28042 (25/11/2008)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto