Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 2007 numero 11334 (17/05/2007)


In materia di edilizia residenziale pubblica, in costanza di applicabilità della disciplina normativa di cui al Dpr 1035/1972 e alla L. 865/1971, il momento ultimo in base al quale sorge il diritto alla cessione in proprietà dell'alloggio assegnato coincide con la scadenza del termine di presentazione della domanda a opera dell'assegnatario. Epperò, qualora l'ente titolare del potere di cessione in proprietà non abbia inteso comunicare il prezzo della cessione ovvero stipulare un apposito contratto preliminare con l'assegnatario - stabilendo provvisoriamente il corrispettivo della vendita dell'alloggio - e abbia invece dichiarato di voler persistere nel rapporto di locazione semplice, l'assegnatario non ha alcun diritto di ottenere né l'emanazione giurisdizionale di una sentenza costitutiva che faccia le veci del contratto di vendita mai perfezionatosi né l'emissione di una pronuncia dichiarativa che accerti l'obbligo della pubblica amministrazione di provvedere alla stipula del contratto. Inoltre nel caso in cui l'assegnatario di una casa popolare sia deceduto prima della stipulazione del contratto di compravendita i suoi eredi non acquisiscono a titolo derivativo alcun diritto alla cessione dell'alloggio. Quindi, l' assegnazione in proprietà di una casa popolare non può essere trasmessa agli eredi se l'assegnatario è deceduto prima della stipulazione definitiva del contratto di compravendita.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 2007 numero 11334 (17/05/2007)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto