Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 2003 numero 5993 (15/04/2003)


In tema di antichità e di belle arti, con l'esercizio del diritto di prelazione di cui all'articolo 31 della legge n. 1089 del 1939 lo Stato esplica un potere di supremazia per il conseguimento di un interesse pubblico volto al conseguimento della conservazione e del generale godimento di determinati beni, ponendo in essere un negozio di diritto pubblico con effetto sostanzialmente espropriativo, che si realizza con la comunicazione entro il prescritto termine all'interessato del decreto ministeriale (che ha carattere recettizio) comunicazione che si configura quale elemento essenziale della fattispecie, mancando il quale viene meno il potere di acquisizione del bene. Deriva, da quanto precede, pertanto, che la relativa controversia, secondo i criteri generali in tema di ripartizione della giurisdizione, deve essere attribuita al giudice ordinario, attenendo essa alla carenza del potere dell'amministrazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 2003 numero 5993 (15/04/2003)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto