Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1991 numero 12008 (11/11/1991)


Nella disciplina espropriativa di cui alla l. 22 ottobre 1971 n. 865, la declaratoria d'illegittimità costituzionale, con riguardo ai fondi edificabili, dei criteri per la determinazione dell'indennità di espropriazione di cui all'art. 16 comma 5, 6 e 7 e, in via conseguenziale, dei criteri per la determinazione dell'indennità di occupazione di cui all'art. 20 comma 3 (sent. della C. cost. n. 5 del 1980) comporta, in riferimento a tale seconda indennità, che il citato art. 20, comma 3 resta inapplicabile globalmente, anche ove prevede il parametro di un dodicesimo dell'indennità di espropriazione, e che, quindi, si rendono operanti le regole generali della l. 25 giugno 1865 n. 2359 (valutazione del pregiudizio derivante dalla perdita del godimento e dei frutti del fondo, ragguagliabile, in carenza di più specifici elementi, agli interessi legali sull'importo dell'indennità di espropriazione).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1991 numero 12008 (11/11/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto