Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1976 numero 1507 (28/04/1976)


L' atto con il quale l' amministrazione iscrive un' acqua (nella specie, sorgiva) nell' elenco delle acque pubbliche, ai sensi dell' art. 1 del R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775, ha carattere non costitutivo, ma meramente accertativo e dichiarativo della natura pubblicistica dell' acqua e del suo assoggettamento al relativo regime giuridico, discendenti automaticamente e direttamente dalla ricorrenza dei requisiti previsti da detta norma. Da ciò deriva che i tribunali delle acque (regionali o superiore), investiti con opposizione avverso l' atto di iscrizione, da parte del privato che si assume proprietario dell' acqua, ben possono, nell' esercizio dei loro poteri di indagine sulla demanialita o meno del bene controverso, prescindere dalle ragioni indicate nell' atto amministrativo d' iscrizione ed affermare la pubblicità dell' acqua per la ricorrenza di elementi obiettivi previsti dalla legge, ancorché diversi da quelli considerati dall' atto medesimo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1976 numero 1507 (28/04/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto