Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1975 numero 2103 (24/05/1975)


Il termine entro il quale il proponente si obbliga a mantenere ferma la proposta, ai sensi dell' art. 1329, primo comma, cod. civ., costituendo elemento essenziale della proposta irrevocabile, deve essere fissato dallo stesso proponente: in mancanza di tale predeterminazione, la proposta, dovendo considerarsi pura e semplice, è revocabile, a norma dell' art. 1328, primo comma, cod. civ., finchè il contratto non sia concluso. Ne, per mantenere il carattere irrevocabile della proposta, può farsi ricorso ad altri meccanismi di determinazione del termine predisposti nel codice civile, e in particolare: a) non, per analogia, a quello dell' art. 1183, che, regolando il tempo dell' adempimento, ha riguardo non già alla formazione della fonte dell' obbligazione (il contratto), ma alla sua esecuzione; b) non a quello dell' art. 1331 cpv, non richiamabile analogicamente, stante il suo carattere di eccezione al principio generale di revocabilità della proposta (art. 1328) e stante la differente natura dell' opzione (contratto) e della proposta (atto prenegoziale unilaterale); c) non a quello dell' art. 1326 cpv, che, parlando di 'termine ordinariamente necessario secondo la natura dell' affare o secondo gli usì e riferendosi all' accettazione, concerne l' oblato e non il proponente.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1975 numero 2103 (24/05/1975)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto