Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 2011 numero 5448 (08/03/2011)




La partecipazione agli utili per la collaborazione prestata nell’impresa familiare ai sensi dell’art. 230 bis c.c. va determinata sulla base degli utili non ripartiti al momento della sua cessazione nonché dell’accrescimento della produttività dell’impresa (come per esempio beni acquistati con gli utili, incrementi dell’azienda, anche in ordine all’avviamento) in proporzione alla qualità e quantità del lavoro prestato. La partecipazione agli utili è quindi condizionata dai risultati raggiunti dall’azienda essendo infatti gli stessi utili naturalmente destinati, salvo il caso sussista un diverso accordo, non alla distribuzione tra i partecipanti ma al reimpiego nell’azienda o in acquisti di beni. In assenza di un patto di distribuzione periodica di tali utili il diritto alla partecipazione agli utili coincide con la cessazione dell’impresa familiare o della collaborazione del singolo partecipante. All’atto della cessazione dell’azienda occorre pertanto che venga fornita prova dell’esistenza di utili da distribuire o di beni acquistati con gli utili in precedenza prodotti o di eventuali incrementi dell’azienda, anche solo afferenti all’avviamento, rispetto alla sua originaria consistenza affinché possa essere riconosciuto il diritto alla partecipazione o al risarcimento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 2011 numero 5448 (08/03/2011)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto