Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 2002 numero 4951 (06/04/2002)


Per l'affermazione della responsabilità del datore di lavoro per fatto dannoso del dipendente è sufficiente l'esistenza di un nesso di occasionalità necessaria tra l'illecito e il rapporto che lega i due soggetti, nel senso che le mansioni affidate al dipendente abbiano reso possibile o comunque agevolato il comportamento produttivo del danno. E' quanto affermato dai giudici della Cassazione che hanno ritenuto erronea l'interpretazione del Tribunale che ricollega la responsabilità del datore di lavoro a una sorta di responsabilità oggettiva che si attiva - come generalzzata garanzia risarcitoria - attraendo, in definitiva, nell'ambito della responsabilità del datore di lavoro qualsiasi fatto illecito - comunque connesso - al contesto lavorativo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 2002 numero 4951 (06/04/2002)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto