Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1996 numero 7629 (19/08/1996)


Le dimissioni del lavoratore - che costituiscono un negozio unilaterale recettizio idoneo a determinare la risoluzione del rapporto indipendentemente dalla volontà del datore di lavoro - soggiacciono, ai sensi dell' art. 1324 cod. civ., in quanto atto tra vivi avente contenuto patrimoniale, alle norme che regolano i contratti, comprese quelle in tema di annullabilità per vizi della volontà ed in particolare, ai sensi degli artt. 1428, 1429 n. 4 e 1431 cod. civ., per errore di diritto - che si verifica quando l' errore riguarda l' esistenza (o la permanenza in vigore) o il contenuto e la portata di una norma giuridica ovvero il modo la stessa deve essere interpretata o applicata -, fermo restando che, in quest' ultima ipotesi, l' errore deve essere riconoscibile dal destinatario delle dimissioni.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1996 numero 7629 (19/08/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto