Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1996 numero 5419 (13/06/1996)


In materia di indebito oggettivo, ai fini della decorrenza degli interessi ai sensi dell' art. 2033 cod. civ. e della rilevanza dell' eventuale maggior danno di cui all' art. 1224, secondo comma, cod. civ. rileva una nozione di buona fede in senso soggettivo, coincidente con l' ignoranza dell' effettiva situazione giuridica in conseguenza di un errore di fatto o di diritto, anche dipendente da colpa grave, non essendo applicabile la disposizione dettata dall' art. 1147, secondo comma, cod. civ. in riferimento alla buona fede nel possesso. Pertanto anche il dubbio particolarmente qualificato circa l' effettiva fondatezza delle proprie pretese è compatibile con la buona fede ai fini in esame. (Fattispecie in materia di versamento ad istituto previdenziale di contributi non effettivamente dovuti).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1996 numero 5419 (13/06/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto