Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1984 numero 443 (18/01/1984)


L'obbligazione solidale (nella specie, nascente da ritenuta società di fatto fra i condebitori) pur avendo ad oggetto una medesima prestazione non dà luogo ad un rapporto unitario ed inscindibile fra creditore e debitori, né a litisconsorzio necessario, con la conseguenza che ove uno soltanto di questi ultimi abbia impugnata la sentenza di condanna pronunziata in primo grado, il giudice del gravame non è tenuto a disporre l'integrazione del contraddittorio ex art. 331 cod. proc. civ. nei confronti della parte non impugnante.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1984 numero 443 (18/01/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto