Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1977 numero 3795 (19/08/1977)


Il minore infradiciottenne, pur avendo la capacità di esser parte in un rapporto di lavoro, non ha la capacità di agire e quindi la riscossione del salario, il rilascio delle quietanze e qualunque altra manifestazione di volontà o di scienza, che importi disposizione di diritti, possono essere effettuate solo dal suo rappresentante legale. (Nella specie un minore degli anni diciotto aveva rilasciato quietanze di pagamento, ammettendo anche circostanze di fatto a lui sfavorevoli. I giudici del merito avevano ritenuto valide tali dichiarazioni di scienza; la cs, invece, ravvisando in esse un contenuto confessorio, ha affermato il principio di cui in massima).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1977 numero 3795 (19/08/1977)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto