Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2015 numero 6451 (31/03/2015)




Sussiste la responsabilità solidale del notaio che prestò la sua opera per il contratto preliminare e definitivo, insieme con il venditore e il mediatore immobiliare, per la cancellazione del pignoramento laddove il professionista con grave negligenza non avvertì l'acquirente del grave pericolo che comportava l'esistenza della procedura esecutiva in corso, senza accertarsi adeguatamente dell'esistenza di interventi nella procedura esecutiva, pur dopo aver accertato tramite visure la trascrizione di un pignoramento, senza cercare di dissuadere la parte dallo stipulare in quelle condizioni e senza consigliare l'inserimento di clausole che potessero garantire l'acquirente, subordinando l'efficacia del negozio all'effettiva estinzione della procedura esecutiva immobiliare sul bene che la parte andava ad acquistare e alla cancellazione del pignoramento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2015 numero 6451 (31/03/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto