Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2014 numero 26887 (19/12/2014)



L’art. 1786 c.c. espressamente estende la responsabilità dell’albergatore all’imprenditore del servizio di carrozza letto, sulla considerazione che, come l’albergatore ha l’obbligazione accessoria di garantire il cliente contro i furti delle cose che egli porta nella camera d’albergo e a tal fine di vigilare affinché estranei non vi si introducano, così l’organizzatore del trasporto ferroviario in carrozza letto deve predisporre analoghi accorgimenti e cautele - anche di concerto con la polizia ferroviaria – che devono essere ancor più rigorose se non è offerto un autonomo servizio di custodia dei valori e preziosi per la sicurezza del viaggio.

La società di trasporti, che ha emesso il relativo titolo di viaggio con supplemento “vagone letto” ha, nella sua organizzazione di impresa, affidato l’esecuzione di tale servizio aggiuntivo a una società di gestione. Ciò non la esime da nessuna responsabilità nei confronti del suo contraente per il colposo comportamento dei dipendenti di detta società per l’espletamento di esso. Ciò costituisce il fondamento della sua corresponsabilità solidale, salvo il regresso nei rapporti interni.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2014 numero 26887 (19/12/2014)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto