Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2009 numero 2494 (30/01/2009)


Il diritto del conduttore alla indennità per i miglioramenti della cosa locata presuppone, ai sensi dell'art. 1592 c.c., che le relative opere siano state eseguite con il consenso del locatore. Questo consenso, importando cognizione dell'entità anche economica e della convenienza delle opere, non può essere implicito o desumersi da atti di tolleranza, bensì deve risultare da una manifestazione esplicita e inequivoca di volontà, senza la quale deve ritenersi applicabile il principio generale stabilito dal citato articolo, secondo cui il conduttore non ha diritto all'indennità per i miglioramenti apportati alla cosa senza il consenso del locatore.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2009 numero 2494 (30/01/2009)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto